Livecode si conferma web-agency e digital company di riferimento in Campania per webzinetestate giornalistiche online siti d’informazione: non solo è l’unica web-agency campana editrice di una testata regolamente registrata al Tribunale (Livenet News), ma questo know-how nel settore gli ha permesso di lavorare in diversi settori e aspetti con testate come Pupia TV, Il Desk, Agorà24, Dailynews 24, Il Napoli Online e di gestire un circuito banner ad hoc. A questa piccola “scuderia” si va ora ad aggiungere un bel progetto editoriale, diretto da Flavio Cioffi: si tratta di Gente e Territorio per cui la nostra agenzia si è occupata della realizzazione di un sito che metta al centro la notizia e – quindi – il contenuto testuale, con uno stile asciutto ed essenziale ma non per questo meno elegante. Per farlo, abbiamo puntato sulla creazione sito WordPress ospitandolo su un nostro Titanium WordPress.

La scelta della creazione sito WordPress per Gente e Territorio

Per la sua comodità di utilizzo e la praticità nell’inserimento dei contenuti, ma soprattutto per il fatto che tantissimi giornalisti che hanno lavorato sul web hanno già praticità con questo strumento, Gente e Territorio è un WordPress con un tema molto leggero. Ci siamo resi conto – e in questo l’analisi dei dati delle webzine che gestiamo ci è stata di grande aiuto – che la leggerezza della pagina contenente la notizia è in questo settore uno dei fattori più importanti per una buona indicizzazione sui motori di ricerca. La nostra sensazione – e i dati ci danno conforto – è che nel campo delle news questo fattore sia uno di quelli più importanti e può decretare il successo o l’insuccesso dell’intera strategia editoriale.

Al contrario, troppi arzigogoli che rallentano il caricamento della pagina possono offrirci sì un sito più accattivante, ma diventano secondari rispetto alla notizia e questo Google e gli altri lo sanno.

Per lo stesso motivo (la velocità di risposta della pagina) Gente e Territorio è ospitata sui nostri server Titanium WordPress. Per la sua struttura Titanium è il servizio WordPress più indicato per massimizzare i tempi di risposta quando viene effettuata una richiesta.

web page test gente e territorio

I risultati forniti da WebPageTest per Gente e Territorio

Ma cos’è Gente e Territorio?

Ma il progetto editoriale Gente e Territorio cosa è? In cosa differisce dai siti d’informazione generalista? Lo abbiamo chiesto ai diretti interessati, ecco cosa ci hanno risposto…

Un giornale non è mai la verità! Lo scriveva un bel po’ di tempo fa Salvatore Di Giacomo. Vero, e guai se aspirasse ad esserlo, siamo già pieni di categorie che si ritagliano un ruolo etico e pretendono di insegnarci cosa è bene e cosa è male invece di fare al meglio il loro lavoro. Può però rappresentare un contributo di riflessione, di analisi, di approfondimento. Può essere un mediatore, un catalizzatore affinché qualcuno scriva e altri leggano cose che, secondo un progetto, vale la pena divulgare: il progetto è quello di raccontare il nostro territorio alla nostra gente.

Un territorio devastato, abitato da persone disinformate e sbandate in un contesto materiale e di conseguenza morale in buona parte sottosviluppato e pericoloso. Come definirle? Abbiamo scelto gente, populistico quanto si vuole, ma idoneo a definire una comunità che non ha sufficiente coscienza di sé, che non riesce ad essere popolo, ed è costretta a barcamenarsi, arrangiarsi, industriarsi. Che non controlla e consente ai prepotenti di approfittarne e speculare. Per colpa dell’atavico sfruttamento, delle forme trogloditiche della produzione nel Mezzogiorno, del sistematico esproprio di sovranità da parte della classe dirigente che non dà conto di sé, per una miriade di concause che non è questa la sede per analizzare, ma resta il fatto che abitiamo una terra martoriata senza uno straccio di progetto per il futuro.

Non vogliamo essere la verità. Vogliamo offrire un contributo di informazione corretta e analisi attenta, vogliamo dare voce e visibilità a questa benedetta gente: ai lavoratori, al volontariato, all’associazionismo, al mondo professionale, alla comunità scientifica, ai controllori della legalità, alle eccellenze produttive, alla politica attenta quando c’è e dove c’è, anche tenendo un faro acceso sull’operato di chi dovrebbe programmare e controllare e di regola, ahimè, non lo fa, vuoi per colpevole inerzia, vuoi per inconfessabili interessi, vuoi semplicemente per incapacità.

Le lacerazioni del sistema sono sotto gli occhi di tutti e sono strutturali, prescindono dai singoli personaggi e dai movimenti politici o dalle amministrazioni che essi rappresentano. I modi della produzione stanno determinando nuovi equilibri sociali. Ma senza indulgere al determinismo bisogna modificare i comportamenti, prendere coscienza, pretendere che chi ci governa non se ne stia appallottolato per autodifesa come un armadillo, magari tenendosi stretto un pezzetto del nostro stipendio, della nostra salute, istruzione e via dicendo. Inerzia amministrativa anche di gestione del contingente, mancanza delle competenze necessarie, eccesso di proclami destabilizzanti, nessun investimento serio, soprattutto nessuna progettualità di lungo periodo e nessun controllo reale del territorio, sono i rischi che corriamo o forse la realtà nella quale viviamo.

Per provare a disegnare un quadro d’insieme coerente e consentire ai lettori di farsi un’idea, se non un convincimento, parleremo di:

  • Ciclo integrato dell’acqua. Dalle fonti agli acquedotti, dalla distribuzione alle tariffe, dalla depurazione al riuso irriguo della risorsa. Le gestioni pubbliche e quelle private.
  • Difesa suolo. Il rischio idrogeologico. Il rischio incendi. La prevenzione e il controllo. Le sentinelle del territorio. La manutenzione e i nuovi interventi.
  • Rischio sismico. I relativi piani. L’adeguamento infrastrutturale.
  • Controllo di legalità. Gli organismi preposti. La magistratura, le forze dell’ordine. La loro azione, la conseguente visione d’insieme. Il connesso mondo professionale.
  • Protezione civile, nelle sue articolazioni nazionali, regionali e comunali, ma anche nell’azione di volontariato attraverso le mille piccole organizzazioni troppo spesso dimenticate e male utilizzate.
  • La raccolta differenziata. Lo smaltimento. Le discariche abusive. I nostri piccoli gesti quotidiani sbagliati, i grandi interessi anche criminali.
  • Sanità. I relativi presidi. I pronto soccorso. La lottizzazione politica delle ASL. Le organizzazioni volontarie di sostegno.
  • Le attività produttive d’eccellenza (impiantistica, metalmeccanica, aerospaziale, ecc.).
  • L’università. La scuola. L’alternanza scuola-lavoro.
  • Credito, troppo spesso negato, ma anche agevolato dai consorzi e dalle associazioni interbancarie locali.
  • Cultura, se mi si passa il termine abusato e pretenzioso. La musica, l’editoria, il teatro e via dicendo.

Ossia tratteremo la politica del territorio, che significa anche, inevitabilmente, sfociare nella politica tout-court. Alla comunità professionale e scientifica chiederemo un supporto di analisi, di idee, di proposte, di approfondimento critico. Individuare le criticità come le eccellenze, analizzarle, farle conoscere, collegare realtà diverse, nell’ottica di un approfondimento serio ed autorevole, è la finalità con la quale è nato questo giornale. Informare perché la gente possa capire e scegliere.

 

News Italia Cosa vedi? Agenzia SEO a Napoli