Instagram è un social media visuale ideato per condividere i propri scatti fotografici inserendo filtri catalogati per hashtag. Le dimensioni delle foto sono standard, prima era possibile inserire solo in formato quadrato, ora è utilizzabile anche quello rettangolare. Si possono inoltre inserire brevi video di non più di 15 sec. Come social punta molto sull’immediatezza (intuibile già dal nome), tutti i post hanno una breve durata di vita infatti, la loro efficacia non supera le tre ore, anche perchè la quantità di foto inserite ogni giorno è davvero impressionante (si parla di 70M al giorno!). Tutto si base sull’impatto dell’immagine. Un elemento molto importante è la bio, in 150 caratteri bisogna descrivere il proprio file rouge degli scatti, che sia un particolare settore o modo di vedere le cose, e sopratutto inserire il link del proprio blog o sito web.

È ormai passata una settimana da quando sono arrivate le sponsorizzazioni su Instagram. Molti si staranno ancora chiedendo se usarlo e perché, come inserirlo nella propria strategia di marketing e quali possono essere i vantaggi per un brand o un’azienda. Con più di 26 milioni di utenti iscritti, dai più svariati interessi, Instagram è una piazza molto appetibile, perché essendo parte del gruppo Facebook, la sinergia tra i due canali può dare vita a strategie vantaggiose, sia in termini quantitativi, visti i numeri in continua crescita, che qualitativi per quanto riguarda il coinvolgimento emotivo. Vediamo meglio come funziona e i principali motivi per cui poterlo usare per il proprio business.

Come funziona l’Instagram Advertising

Carousel Instagram L'oreal

Un mini storytelling in quattro foto realizzato con il carousel Instagram da L’Oreal

Le campagne Ads di Instagram con le foto sponsorizzate sono destinate sia a grandi, che piccole e medie imprese e saranno molto simili a quelle utilizzate per Facebook. Le variabili di ottimizzazione e le metriche di misurazione saranno infatti le stesse, avendo accesso anche agli analytics per verificare la copertura dei post e il coinvolgimento. Per quanto riguarda la  targettizzazione, oltre alle modalità già utilizzate per Facebook, è stato annunciato Marquee, un servizio premium che permetterà ai marchi di raggiungere un target molto ampio (ad es. tutti gli uomini o tutte le donne) in sole 24 ore. Dal punto di vista della creatività si potrà usare il carousel, una sequenza di immagini componibili per dare vita a dei mini storytelling o a foto panoramiche, come è possibile vedere nelle foto, dall’utilizzo che ne hanno fatto L’Oreal (a destra) e GMC (in basso). Sarà possibile poi inserire un pulsante per la call to action. Appena lanciata la funzionalità in Italia le aziende hanno cominciato a sperimentare, le prime sono state Audi Italia,  Carrera, Chupa Chups, Ford Italia, illycaffè, Mercedes-Benz Italia, Samsung Italia, Toyota Italia.

GMC carousel

Un esmpio di post carousel Instagram realizzato da GMC

Perchè usare Instagram per il proprio business

La domanda che nasce spontanea in prima analisi è: “Il mio business è adatto a questo canale?” Sicuramente non è possibile generalizzare, ma in linea di massima Instagram è utilizzabile in tutti i settori, in quanto le immagini si prestano bene a rappresentare ogni tipo di attività, basta solo decidere in che modo. Quelli però più quotati su questo canali sono i settori inerenti il fashion e il food, essendo di fatto l’isola felice dei blogger in cui possono postare tutti  i loro migliori outfit realizzati o menù degustati. Instagram è uno strumento che non può più essere sottovalutato dalle aziende che intendono fare engagement con la propria audience. Non si tratta infatti solo di sponsorizzare i propri prodotti, ma di condividere momenti, qualcosa che gli dia un valore aggiunto. Di seguiti alcuni dei principali motivi per cui si dovrebbe avviare una campagna Instagram:

1)  eCommerce, le fotografie di Instagram possono essere integrare tramite l’aggiunta di un widget al proprio negozio online, per ampliare la panoramica dei prodotti;

2)  Everyday life, gli scatti instantanei  sono un modo per condividere scene che mostrano l’utilizzo del prodotto nella sua quotidianeità;

3) Different point of view,  non solo foto da catalogo, studiate a tavolino che rendono tutto platinato e perfetto, ma foto dirette che accorcino la distanza tra il cliente e il prodotto;

4) Referral, Instagram è un ottimo modo per portare traffico al proprio sito, grazie al link presente all’interno della bio;

5) Behind the scenes, pubblicare immagini del “dietro le quinte” come magari le foto fatte durante la realizzazione del prodotto;

6) The power of #hashtag, l’tilizzo di hashtag rilevanti ben selezionati ci permettono di essere trovati facilmente da persone che stanno ricercando il settore d’interesse.

7) Contest, la possibilità di lanciare concorsi  fotografici che vedano scatti del cliente insieme al prodotto è un modo per fidelizzarlo.

Questi sono solo alcuni degli usi che si possono fare di Instagram, che è uno strumento tanto semplice quanto potente.

Vi sembra difficile? Non sapete da dove cominciare? E noi che ci siamo a fare?!? Cambia il tuo modo di farti conoscere, Go outside your box.

 

 

Fonti:

Engage: http://www.engage.it/blog/instagram-per-ecommerce-7-motivi-per-usarlo#.VflDbhG8PRb

Cor.com: http://www.corrierecomunicazioni.it/it-world/36249_instagram-si-da-all-advertising-taglio-del-nastro-in-italia.htm

Inside marketing: http://www.insidemarketing.it/instagram-via-alle-inserzioni_8188/

 

Live Performing Arts Livenet News Network Comprare libri online, vendere libri online, marketplace libri online, community libri online, scambiare libri online, app libri online